Domenica, 19 maggio 2019 ore 13:27  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
ARTE E CULTURA

Celebrazione del 25 aprile con annessa polemica sul monumento ai caduti prossimo a divenire al milite ignoto (VIDEO)

Cittadini inviperiti per la situazione della stele davanti alla quale è stata posta come da rituale la corona floreale, recentemente ripulita ma i cui nomi dalla parte centrale son attualmente illeggibili per gran parte.

Celebrazione-del-25-aprile-con-annessa-polemica-sul-monumento-ai-caduti-prossimo-a-divenire-al-milite-ignoto-VIDEO
Giovedì 25 Aprile 2019 - 12:0

Celebrazione del 25 aprile con annessa polemica a Lamezia Terme questa mattina. Dopo le tappe ai monumenti ai caduti nei pressi delle delegazioni comunali di Sant'Eufemia Lamezia e Sambiase, il presidente della terna commissariale, Francesco Alecci, nel discorso conclusivo nella villetta di Corso Numistrano si è trovato suo malgrado a dover rispondere anche ad un fuori programma: dopo un appassionato appello istituzionale e nazionale, celebrando la ricorrenza ma sottolineando anche nuovamente il proprio permanere a capo dell'amministrazione comunale dopo la sospensiva del Consiglio di Stato in merito allo scioglimento del consiglio comunale di novembre 2017, l'ex Prefetto ha dovuto fare i conti con i cittadini inviperiti per la situazione della stele davanti alla quale è stata posta come da rituale la corona floreale, recentemente ripulita ma i cui nomi dalla parte centrale son attualmente illeggibili per gran parte.
Alecci ha fornito rassicurazioni, ma i troppi casi non risolti in città non fanno pensare all'ottimismo su questo ennesimo episodio simbolico per un momento che da ricordo ai caduti rischia così di divenire al milite ignoto.
Nell'affidamento confermato a marzo per restaurare la stele ai caduti ubicata in Piazza 5 dicembre e quella su Corso Numistrano erano indicate infatti 2 fasi:

  • sverniciare il colore rimasto, con adeguata protezione della lapide la quale presenta dei pori dovuti all'usura causata dagli agenti atmosferici, con solventi e sola manodopera senza l'uso di mezzi meccanici;
  • riverniciatura delle incisioni e successiva pulitura della lapide, sempre manuale.

Gi.Ga.




ULTIMISSIME